Vi presento Bubu

Julia ha cominciato la scuola materna da un mese ed è la più piccola della scuola.

Avevamo partecipato al bando per gli asili comunali ma siccome ho il privilegio di non lavorare nessuno ci ha preso, così quando tutto sembrava perduto siamo andati a bussare all’unica porta sempre aperta…la porta delle suore.

Niente in contrario… solo che vedere Papa Ratzinger che ti guarda dall’alto della classe – ma sempre più in basso di quel Signore in croce appeso sopra di lui – e le Madonne con lumini disseminate in ogni angolo della scuola…beh fa un po’ di impressione, specialmente se hai una figlia che neanche è battezzata.

Per un mese Julia è arrivata a scuola con in braccio un elemento indispensabile alla buona riuscita dell’operazione ‘inserimento’, come Linus anche lei ha la sua ‘coperta di sicurezza’ , qualcosa senza la quale tutto poteva crollare in un momento: il suo cagnolino puzzolente, conosciuto dai più col nome di Bubu.

Bubu era con lei alla finestra della classe quando al mattino mi salutava, fuori nel cortile della scuola a bordo di un triciclo scalcagnato, sul cestino della bici nelle vesti di navigatore.

Insomma, due corpi e un’anima sola.

Questa mattina però è successa una cosa al di là di ogni possibile previsione.

Lui, il cagnone dal colore ormai indefinito, il cucciolo con la coda lercia dai poteri miracolosi, è stato dolorosamente dimenticato a casa.

Immaginate il mio sgomento quando, all’ingresso dell’asilo, arriva la domanda: “Mamma, dov’è Bubu?”

Merda.

Sarà servito a qualcosa leggere un milione di libri e qualche manuale di psicologia spicciola, no?

“E’ a casa che ti aspetta sul divano, oggi non si sentiva bene. Dai andiamo in classe che troviamo un’altra bella bambola con cui puoi giocare”.

Miracolo.

Una volta in classe, ha preso la più brutta delle bamboline, quella prona con il mal di pancia, e tanti saluti a Bubu.

Posso tornare a casa e finalmente lavarlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...