Odio il grigio

E’ scoppiato l’autunno.

Ma non quello bello dai toni caldi, il sole e la luce filtrata tra gli alberi multicolore.

No. L’autunno umido, bagnato e grigio.

Grigio è il colore primario del nostro clima, grigi sono i palazzi, grigi sono i prati, grigie sono le facce delle persone che svogliate vanno al lavoro.

Il cielo ha una patina uniforme, bassa e opprimente, quando cammini per strada le foglie bagnate si attaccano alle scarpe, i capelli alla testa e un senso di angoscia inizia ad insinuarsi piano.

Cominci a diventare fanatico del meteo.it; guardi tre, quattro volte al giorno le previsioni sperando di trovare quel benedetto sole giallo e invece ti deprimi sempre di più perché qualche colonnello dell’aeronautica dice che dovremo aspettarci una settimana di cielo coperto, nubi sparse o pioggia debole.

In questi momenti non lavorare diventa insopportabile, dei tuoi amici nessuno è a casa, il silenzio della casa è assordante, hai già preparato il pranzo e mancano ancora due ore prima di uscire per prendere Julia.

Quando Sofia si sveglierà, che faremo in casa io e lei?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...