Lev Tolstoj e l’x factor

Ho appena finito di leggere quello che per molti rappresenta una prova di resistenza, un trofeo da esibire sulla libreria di casa, un passo obbligato nel curricolo studi, il leggendario Guerra e pace.

La prova dà il suo bel da fare, bisogna affrontare la sfida con un misto di calma monastica e abnegazione: 1.015 pagine, 984 note traduttive dal francese ed un carattere tipografico da sconsigliare ai presbiti.

Eppure la lettura dà i suoi frutti, si finisce il romanzo con la voglia scatenata di prendere il primo volo low cost e imbarcarsi per Mosca e Pietroburgo, di conoscere per bene la geografia sconfinata della Russia, di approfondire la vita tormentata del suo scrittore.

E benché il libro sia stato pubblicato nel 1869 la società, fatta dagli uomini, non è cambiata qui come là, allora come oggi; leggi, scava e troverai donne leggere e intriganti, uomini un tantino troppo cinici e faciloni, la guerra sempre sbagliata.

Rileggendo meglio la vita di Tolstoj mi ha colpito un particolare curioso: colui capace di scrivere “la più grande opera della letteratura russa” e “uno dei massimi esponenti del realismo letterario dell’Ottocento”, non era arrivato a finire i suoi studi.

In poche parole, mai arrivato alla laurea. I suoi professori l’avevano definito incapace e inadatto allo studio.

…bastasse il solo studio per diventare un buon dottore, la sola conoscenza per saper insegnare, la sola riproduzione perfetta di un immagine per diventare un artista…

Per fortuna serve qualcos’altro, serve la spinta coraggiosa verso un futuro incerto, la forza di perseguire un obiettivo su cui nessuno scommetterebbe, impegnarsi al limite in un’impresa folle e giusta.

Il vecchio Lev, che alla fine della sua vita aveva rinunciato a buona parte delle proprie ricchezze per un ideale morale e spirituale, spiega così il senso della vita.

Meglio di così non si poteva scrivere.

“Per vivere con onore bisogna

struggersi, turbarsi, battersi,

sbagliare, ricominciare da capo e

buttar via tutto, e di nuovo ricominciare

a lottare e perdere eternamente”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...