Liberi dai sensi di colpa

Il senso di colpa e’  uno dei primi sentimenti che ci inculcano non appena varchiamo il canale del parto e con un urlo lancinante entriamo nel mondo; il peccato originale marchiava  fino a qualche tempo fa anche l’anima degli esseri piu’ innocenti che abbandonando questa terra senza essere battezzati vedevano negato loro l’accesso al paradiso e venivano parcheggiati nel cosiddetto limbo.

Le donne poi, progenie della tentatrice Eva, portano da sempre il peso di quella mela addentata e dalla quale tutto ebbe inizio.

Nonostante si cresca sviluppando liberamente le proprie inclinazioni, rimane tuttavia impresso quel senso di peccato che difficilmente puo’ essere lavato via del tutto, nemmeno dopo essersi purificati ricevendo tutti  i sacramenti.

Essere liberi nel corpo e nell’anima e’ piu’ facile a dirsi che a farsi. Quando muore qualcuno bisogna vestirsi di nero, portare il lutto,  mostrarsi contriti e sofferenti, un sorriso sfuggito ad un funerale viene tacciato come gesto di sfrontata irriverenza. Dopo rapporti occasionali, molte donne sentono ancora addosso quella sensazione di sporcizia legato al concetto di sessualita’ che certamente non era materia di studio nelle ore di religione. 

Le poche volte che mi abbandono a qualche acquisto di troppo, torno a casa con la sensazione di aver fatto qualcosa di sbagliato e  quando mi sento particolarmente beata sento una vocina interiore che mi dice: ” Attenta, la felicita’ non e’ di questo mondo!”.

Da mamma i sensi di colpa non sono certo spariti.

Fino a qualche mese fa,  le rare volte che lasciavo mia figlia dai nonni, provavo un enorme disagio che cercavo di colmare mandando convulsi messaggi per sapere cosa aveva mangiato, a che ora aveva fatto la nanna, quanto aveva dormito, cosa aveva detto, con che giochi aveva giocato, quante volte aveva fatto la cacca….

Ti senti in colpa  se torni a lavorare, se esci con un’amica per l’aperitivo, se non giochi abbastanza coi tuoi figli, se non gli prepari il cibo migliore sul mercato comprato nel piu’ caro negozio della citta’, se non sei la madre perfetta che il mondo si aspetta tu sia.

La buona novella e’ che c’e’ sempre tempo per la redenzione.

La redenzione non sta nell’assoluzione di un Dio qualunque, ma nel trovare la strada verso la liberta’, amando e sbagliando.

Percio’ ieri abbiamo messo a letto le nostre ragazze, il sole splendeva alto in quel caldo pomeriggio di Charlevoix.  Siamo andati al molo dove i miei suoceri hanno una barca.  Abbiamo portato due birre, degli asciugamani e siamo partiti per una gita in barca, solo io e mio marito.  Il lago era calmo, il colore dei pini inverdiva  le acque fresche lungo la riva, nessun rumore, solo le onde che sbattevano pigre contro lo scafo.   

Quel pomeriggio, nessun messaggio, nessuna telefonata, nessuna informazione su cosa stesse succedendo sulla terra ferma.

La gioia di vivere e’ un atto dovuto nei confronti dei nostri figli, non si insegna a parole ma con l’esempio che vedono coi loro occhi giorno dopo giorno.

Un uomo e una donna felici, sono anche due genitori felici.

Annunci

Un pensiero su “Liberi dai sensi di colpa

  1. Giusto, bisognerebbe liberarsene, ma purtroppo non è sempre così facile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...