Vivere il presente

Quando ho trovato il primo capello bianco nella mia folta capigliatura, lo riconosco, non è stata una bella sorpresa.

Quando altri sono poi arrivati, anziché la tragedia che presagivo ne sarebbe scoppiata, ho sbuffato e continuato con le mie faccende quotidiane.

Dicevano che dopo aver dato alla luce le mie figlie, avrei rimpianto la pancia. Non è successo.

Pronosticavo che avrei fatto salti mortali per riappropriarmi del fisico pre-gravidanza, ed invece guardo ora la mia buzza sgonfia, come un soufflé alla panna venuto male, e faccio spallucce.

Prima che accadesse, mi interrogavo impensierita quando, i segni del tempo sarebbero apparsi sul mio giovane viso; ora che le prime rughe cominciano a solcare il mio volto, le osservo distratta rivedendo la mia vita attraverso queste impronte indelebili.

C’è un certo piacere nello scoprire la delusione delle proprie aspettative, siano esse razionali o no, e constatare che a volte, il presente è incredibilmente più promettente degli scenari tetri che la nostra mente ha confezionato in precedenza.

Vivere proiettando ambizioni, aspettative, ansie e paure è uno degli aspetti più comuni della vita moderna, in particolare per gli animi sensibili; perdendo contatto con la natura stessa dell’esistenza, confinati in rituali sempre più meccanici, ci ritroviamo lontani dal nostro mondo interiore.

Chiunque soffra di attacchi di panico sa che quasi sempre, il prossimo attacco arriva perché siamo noi a  costruirlo, ricreando nella nostra testa lo scenario che ci mette a disagio o ci spaventa.

A chi non è capitato, prima di un appuntamento di lavoro, un incontro galante, un’occasione speciale, di programmare tutto nei minimi dettagli, fantasticando e intessendo scenari da film romantico o dell’orrore, a seconda che fosse un evento piacevole o meno.

E tutti hanno testimoniato che nulla, nei termini da noi ipotizzati, accade per davvero; nessuno, neppure la più fervida immaginazione, ha il potere di manipolare il futuro e le sue infinite variabili.
La realtà, nel bene o nel male è tutto quello che abbiamo.

Se ci va male, non ci resta che rimboccare le maniche; se ci va bene, possiamo imparare che in fondo invecchiare, fa parte del gioco ed il presente è estremamente più stimolante di qualsiasi passato o futuro.

Annunci

2 pensieri su “Vivere il presente

  1. Molto bella la tua riflessione, hai saputo descrivere con disinvoltura i capricci della nostra mente di fronte al trascorrere del tempo; trovo il tuo scritto una valida motivazione a vivere il presente evitando di dare peso a ciò che è inevitabile e va quindi accettato in modo sereno.

    Un saluto

  2. Grazie Mr. Loto.
    Certo, tra il dire e il fare ci sta il mare, come si suol dire. E non sempre scardinare i meccanismi di una mente laboriosa è facile…
    Però già riconoscere aòcune dinamiche mentali è importante, credo, per trovare una certa consapevolezza.
    Buona giornata,
    erica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...