Ci vorrà ancora molto tempo prima di trovare i nuovi Beatles

2013-04-11-simonettarossiinuovibeatles

Quando un figlio viene alla luce, nel mondo moderno, c’è già uno stuolo di persone (genitori, nonni o baby sitters) preposti per la sua crescita ed intrattenimento 24/7.

I bambini di oggi crescono spesso con la presenza costante di adulti nella estenuante posizione di giullari, e se non si fanno faccette da perfetti imbecilli sul tappetone quando hanno pochi mesi, se non si gioca col Didò con loro a tre anni o non si vestono per ore le Barbie a sei, ci si sente (e probabilmente si è considerati) come il prototipo del pessimo genitore.

“Che facevo mamma da piccola?” Ho chiesto una volta a mia madre.

“Tu eri  bravissima a giocare per tanto tempo da sola”.

Anche se sulle prime – rigurgito del genitore moderno – ho provato un moto di tristezza pensando alla bambina lasciata per conto suo a giocare, vedendo crescere le mie figlie (nella medesima situazione e cioè con genitori in casa ma svestiti dei panni di Mary Poppins) ho compreso il lato liberatorio dell’escogitare svaghi fuori dall’ordinario.

E’ probabilmente grazie alle interminabili ore passate da sola se sono diventata la persona autonoma e creativa che sono oggi.

Continua la lettura sull’Huffington Post, e se ti piace clicca MI PIACE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...