Storie da quattro stelle lusso

hotel lusso

Due giorni fa ho preso in ostaggio mio marito e pensando di fare cosa gradita, all’alba del suo quarantesimo compleanno, l’ho portato verso la meta da ricchi e famosi, in stile Beautiful, sulle sponde del lago Maggiore.

Quando finalmente arrivo sul lungolago e scorgo l’albergo quattro stelle lusso che in stile liberty si staglia imperioso, gli comunico che siamo arrivati a destinazione.

I nostri standard di viaggio non si alzano mai più di un tre stelle ma ultimamente siamo scesi anche all’ostello della gioventù, perciò il lampadario di cristallo e la hall che potrebbe contenere tutte le case della frazione in cui viviamo, ci fanno un discreto impatto.

C’è un pianoforte a coda, vetrine antiche con pezzi d’antiquariato, piante esotiche e orchidee, un giardino lussurreggiante con bar all’aperto (dove per la modica cifra di nove euro si beve una bottiglietta d’acqua e un succo di frutta), una palestra, una piscina e un modernissimo centro benessere appena costruito.

Entriamo in stanza e sentiamo quella strana sensazione di impazienza che provano i bambini a Gardaland o ai parchi acquatici, vogliamo salire subito in giostra. Se non fossi terrorizzata dal conto stratosferico del giorno dopo, berrei tutto il contenuto del frigobar.

E’ chiaro fin da subito che abbassiamo la media anagrafica dei clienti presenti.

L’albergo è popolato da cariatidi che si reggono sul bastone, sedie a rotelle come se piovesse. Le teste, rigorosamente bianche, poggiano su corpi claudicanti, appesantiti dai parecchi chili in eccesso e con in atto strane reazioni cutanee. Spiace dirlo, ma è proprio un brutto vedere!

Mi dà l’idea che il posto sia anche popolato da qualche escort di lusso ma non ci giurerei e comunque niente di più facile.

L’atmosfera in piscina è aurea, tutto risplende nel caldo sole di settembre, ma nessuno azzarda una nuotata, se ne stanno come formiche all’ombra, coperti dagli asciugamani gentilmente concessi dall’hotel e sonnecchiano russando sotto gli alberi a bocca aperta.

Sarà ma questa atmosfera da cimitero degli elefanti comincia a darci i brividi. Sperimentiamo il centro benessere che non ci delude. Fenomenale!

Ogni tanto arriva qualche vecchietto che da un vetrata interna guarda incantanto il gioco di luci che riverbera sulla piscina, la grotta illuminata, e l’area idromassaggio. Peccato che l’acqua della piscina sia fredda e vada bene solo per le coppie di russi che ci sguazzano come fossero alle Maldive.

Il ristorante del’albergo era nei miei programmi per la cena già da quando ho fatto la prenotazione, suvvia crepi l’avarizia! Scendiamo per sbirciare il menù, un antipasto costa ventotto euro, primi e secondi sui trenta. Forse potrei cenare con un dolce a otto euro e fingere di essere indisposta ma credo che non se la berrebbero.

Finiamo per cercare quel posto che fa panini al metro.

E rimpiangere quegli alberghi che con qualche stella in meno rimangono ancora felicemente attaccati al mondo  reale.

Annunci

4 pensieri su “Storie da quattro stelle lusso

  1. Mi hai fatto tornare in mente la prima vacanza con mio marito, quando eravamo fidanzati, in Jugoslavia (all’epoca si chiamava ancora così 🙂 ) Facemmo sosta per due notti in un hotel di Lipiza, dove il più povero aveva almeno un cavallo alloggiato al maneggio dell’hotel. Ci sentimmo così inadeguati in mezzo a tutto quel lusso e a quella puzza sotto il naso che partimmo con un giorno di anticipo, per approdare in un bellissimo hotel di “solo” tre stelle di Plitvice, proprio sul lago, dove per cena ci servirono le trote appena pescate….che bellezza la normalità!!!

    • sei x caso andata a “casa” mia a Stresa? dalla descrizione sembra proprio il mio paese natale!

      • sììììì! ti abbiamo pensato infatti, beh gran posto. ha superato le nostre aspettative (malgrado il turismo anzianotto!!)

    • hai ragione! La cosa più triste per me era il fatto che raramente – anche i meno stagionati – li ho visti ridere e godersi il momento. Avvezzi al lusso, forse, non ci fanno quasi più caso.
      Prossima volta….ostello tutta la vita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...